Appartamento in condominio: pro e contro

Condominio pro e contro

Secondo una ricerca condotta dall’Eurostat (Ufficio Statistico dell’Unione Europea) l’Italia è uno dei Paesi con la maggior percentuale di abitanti che vivono in un condominio: circa il 60%, con ben 14 milioni di famiglie e oltre 1 milione di edifici condominiali distribuiti in tutta la penisola.

Nel caso foste in dubbio se segliere anche voi questa soluzione per la vostra prossima casa abbiamo stilato per voi un elenco di pregi e difetti della vita in condominio, unito ad alcuni consigli che potranno esservi utili.

Pro

Vediamo quali sono i punti a favore delle abitazioni condominiali, per decidere se è la soluzione che fa per noi.

Vantaggi del condominio

1. Più economico e con minori costi di manutenzione. L’aspetto economico è sempre uno dei primi da tenere in considerazione, ed è innegabile che in questo caso si un punto a favore per la soluzione del condominio. Non solo il prezzo di acquisto tende a essere inferiore, ma il risparmio è pressoché certo anche sul lungo termine: più abitazioni in un unico edificio ottimizzano la manutenzione e il riscaldamento, oltre a consentire di dividere le spese impreviste.

2. Maggior sensazione di sicurezza. Sebbene le statistiche indichino che il fenomeno dei furti in casa sia in calo da alcuni anni a questa parte, la percezione di questo pericolo è ancora piuttosto elevata e la maggior parte delle persone ritiene che il condominio sia più sicuro rispetto a una casa indipendente. Anche se a sostegno di questa impressione non sembrano in realtà esserci dati certi, l’appartamento presenta il vantaggio di essere molto più semplice da mettere in sicurezza con dispositivi di allarme o sistemi anti-effrazione.

3. Possibilità di socializzare. Questo dipende molto dal carattere di ciascuno, ma il fatto di incontrare i propri vicini nell’atrio e in ascensore, scambiare due chiacchiere e magari stringere amicizie può essere un valore aggiunto non indifferente, per esempio per chi si è appena trasferito in città oppure per gli anziani che vivono da soli

4. Comfort e servizi. È sbagliato pensare che il condominio sia per forza una soluzione dedicata a chi non vuole spendere: in tutte le grandi città vi sono i cosiddetti condomini di lusso, dotati di servizi esclusivi: parco privato, piscina, palestra, portineria, vigilanza, ecc.

Contro

Il rovescio della medaglia non manca mai: per i vantaggi che abbiamo visto sopra bisogna accettare alcuni compromessi, ecco i principali.

Svantaggi del condominio

1. Rischio dell’investimento. Essere proprietari di un appartamento significa possedere un pezzo dell’edificio: siamo quindi soggetti alle decisioni e alla responsabilità di altre persone per quanto riguarda manutenzione e lavori, che se non gestiti in modo corretto possono trasformarsi in spese inutili o, al contrario, essere trascurati e portare a un calo del valore dell’immobile.

2. Privacy non sempre garantita. Vivendo in condominio dobbiamo accettare che qualcuno (i nostri vicini) sia a conoscenza delle nostre routine, che senta parte di ciò che diciamo durante una discussione accesa e che in generale possa notare alcune nostre abitudini che preferiremmo tenere per noi.

3. Problemi di parcheggio. Se insieme all’appartamento non abbiamo occasione di acquistare anche un box o un posto auto riservato dovremo prepararci a spendere del tempo per trovare parcheggio ogni volta che torniamo a casa dopo aver preso l’auto. Il problema può essere mitigato se l’immobile si trova in una zona periferica, non troppo trafficata, o se usiamo poco l’automobile, in ogni è importante valutare bene la questione in base alle nostre abitudini.

4. Diatribe con i vicini. Trovandosi a contatto con un certo numero di altre persone è inevitabile che prima o poi si presenti qualche contrasto. Può trattarsi di un vicino rumoroso, di un condomino in disaccordo su qualche lavoro da fare o di mille altre situazioni: qualcosa del genere capita sempre, quindi bisogna sapere che talvolta ci troveremo a dover mediare o semplicemente portare pazienza.

Consigli

Ecco qualche suggerimento che potrebbe aiutarvi nella scelta della soluzione migliore e darvi qualche idea in più.

Considerate bene le vostre abitudini e il vostro stile di vita. Come abbiamo visto, i vantaggi del condominio hanno come prezzo alcune limitazioni, per cui dobbiamo chiederci se le nostre abitudini sono compatibili con esse. Se non sopportiamo di dover tagliare l’erba in gioradino il condominio ci libererà di un noioso impegno, ma se al contempo siamo sensibili a rumori esterni avremo problemi a condividere i muri con i vicini. Ognuno ha le proprie necessità, che vanno soppesate con attenzione e anche con uno sguardo al futuro (con il tempo potrebbero cambiare, e probabilmente lo faranno)

Informatevi sullo stato della costruzione e sull’amministrazione condominiale. Non dimenticate che acquistando una casa state anche investendo il vostro denaro: l’ultima cosa che volete è che l’immobile finisca col perdere valore. Impianti datati, vecchie coperture in amianto e facciate in cattivo stato rappresenteranno come minimo spese aggiuntive e ripetute nel tempo, mentre un’amministrazione poco efficiente può addirittura lasciare che si verifichino veri e propri danni allo stabile. Gli edifici di costruzione recente danno qualche garanzia in più, ma attenzione alla qualità costruttiva: infiltrazioni, ascensori che si guastano e finiture scadenti non risparmiano nemmeno i palazzi più nuovi, se gli standard di costruzione non sono stati adeguati. Se siete in dubbio non esitate mai a chiedere una consulenza o anche solo un parere esperto.

Considerate l’acquisto di una cantina o di un box. Se usate l’auto quotidianamente è consigliatissimo includere nel budget anche l’acquisto di un posto auto coperto. Quasi tutti i condomini recenti ne sono dotati, e la ragione è che ormai è sempre più difficile rinunciarvi. Anche se non aveste l’auto, non disdegnate un box (o magari una semplice cantina): vi tornerà utile più spesso di quanto pensiate e vi aiuterà a tenere la casa più ordinata.

Dotatevi di sistemi antifurto. In condominio si può aumentare la sicurezza contro i furti con un investimento piuttosto ridotto: porta blindata e allarme alle finestre sono sufficienti a dissuadere la maggioranza dei tentativi di effrazione e a togliervi una grossa preoccupazione. Questi accorgimenti sono vantaggiosi anche dal punto di vista fiscale e assicurativo, per cui il consiglio è di non trascurarli.

Fateci sapere se questa piccola guida vi è stata utile e se avete osservazioni da aggiungere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy Cookie Policy